Cara maestra

Una lettera comincia sempre
Con ?cara?, maestra mia
In alto a destra va la data
Ma che giorno ? oggi se ieri ? andato via?
Via come i mezzi di Roma, che cazzo, loro non passano mai
Sono scomparsi prima di apparire, un po? come fanno i sogni miei

 

E allora tu cosa farai da grande? Dimmi, il medico, il dottore
Ma se non so cosa far? stasera, mi sembra un presto per capire
E dai, maestra, vieni qui e gioca a nasconderti con me
Che questa volta li freghiamo tutti
Conta uno, due, tre

 

Siamo persi un po? come il giovane Holden
In viaggio ancora alla ricerca di chiss?
Cara maestra, qual ? il senso dei miei sogni?
O dimmi almeno se ?sto treno arriver?

 

Cara maestra, mi hai insegnato tanto
A difendermi dai guai
C?era uno stronzo che mostrava i denti
Correvo a piangere dai miei
Che poi negli anni lo capisci dopo
Che vinci anche se ti arrendi
La gentilezza li lascia in mutande
E ci fa diventare

 

Grandi non si diventa mai
Siamo sempre molto piccoli
Piccole lucciole in un campo
E siamo noi i bambini che le cacciano
E dai, maestra, vieni qui e gioca a rincorrerle con me
Che questa volta abbiamo vinto
Conta uno, due, tre

 

Siamo persi un po? come il giovane Holden
In viaggio ancora alla ricerca di chiss?
Cara maestra, qual ? il senso dei miei sogni?
O dimmi almeno se ?sto treno arriver?

 

Cara maestra mia, hai visto come passa il tempo?
A volte ti ci perdi dentro un quaderno di decenni fa

 

Siamo grandi un po? come il giovane Holden
Che va da solo alla ricerca di chiss?
E s? maestra, questo ? il senso dei miei sogni
Volare sopra i tetti di questa citt

LEGGI ANCHE...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *